A Federica con vita vissuta

Batto l’aria a tutto cuore

sono a te Chandra.

Intrisa di pellegrinaggi indicibili

sudati dall’infanzia senza scopo di passi

solco la soglia di uno sguardo

agognato come una stella:

illumini le assenze,

imponi silenzio.

Mi perdo nella piega d’una guancia

nei capelli fini, non bianchi,

nella misura del tuo corpo

che assume consistenza minuscola a pochi centimetri dal mio,

sono un segugio

non mollo l’osso di ogni tuo singolo movimento

mi inoculo col contagocce parole da minatrice,

registro là dove si incrina la voce

e come muovi il capo.

Il tuo sorriso bambino

è speranza di purezza,

mi ricompone il cuore.

Maestra

accompagnami lungo la strada verso casa

almeno un pezzo

almeno fino a sera.

Cura la mia solitudine che tu esista.

La cura, non la salva,

è orlo di precipizi la mia solitudine

e tu

non sgretoli.

Firmi il tuo mio libro

noti consumatissimi i miei tuoi fogli

dedichi

A Federica con vita vissuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...